Pensieri spaiati – Racconto di Sonia

pensieri spaiati.jpgQuesto è un inverno anomalo, ha fatto caldo fin quasi a Natale, e poi sono giunti il freddo e la neve. La mia è una vita di limbo, a volte ho la sensazione che la chemio uccida più del cancro. nei due, tre giorni successivi al ciclo sto davvero male, poi non posso uscire spesso, devo fare attenzione a non frequentare persone ammalate, ambienti affollati, devo evitare virus e batteri, insomma devo evitare la vita. Sono stanca. sono fisicamente e moralmente stanca. Ho paura di non poter riavere un’esistenza normale, ma di questa mia paura non riesco a parlarne con nessuno. Sto reagendo bene o male a questo colpo di mano del destino? Sinceramente non lo so, non so neppure confrontarmi con le persone che mi vivono accanto, sembrano più confuse e disorientate di me. Io, almeno,  ho un obiettivo, finire la chemioterapia, ma loro che obniettivi hanno? A che cosa pensano? Che cosa li fa soffrire di più? E’ crudele, non posso rispondere a queste domande perchè tra noi del mio male non riusciamo a parlarne.

Pensieri spaiati – Racconto di Soniaultima modifica: 2009-05-10T12:58:00+02:00da tina_r
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento